Le Decisioni Sbagliate


Se ti scopri a desiderare e agire ciò che alla fine ti danneggia, vuole dire che forse ancora non hai gli strumenti per prendere le decisioni giuste!

A volte ci si può sentire il tipo di persona che non riesce a fare le scelte davvero giuste e produttive per la propria vita, o che si perde per un non nulla, le migliori opportunità e che magari non riesce neppure a vederle, se non arriva addirittura a pensare di essere una di quelle persone, sempre colpita da un destino sfortunato,  quando si tratta di raggiungere qualcosa che si desidera.

Magari continuate a trovarvi in rapporti che come costante, hanno relazioni che porteranno ad un abbandono, oppure vi legherete a persone svalutanti e critiche nei vostri confronti o narcisistiche, mentre nella vita professionale, siete riusciti a costruire poco nonostante ci abbiate provato tanto e con troppi alti e bassi.

Oppure capita che siate fermamente convinte di essere nel giusto ma i risultati alla fine portano sempre dove non vorreste e di questo trovate sempre il colpevole al di fuori delle vostre decisioni o atteggiamenti.

La scelta giusta è una sola, ed è quella che aggiunge valore alla tua vita, che migliora le tue relazioni e prospettive, è la decisione che aumenta la tua indipendenza, ti rende più forte e lucido.

Può essere abbastanza difficile superare così tanti fallimenti, ma fortunatamente, se questa condizione volete cambiarla, una soluzione esiste, allora dovete sapere ed accettare, che c’è qualcosa di sbagliato nel modo in cui si affrontano i propri problemi e occorre conoscere il perché si prendono certe decisioni, occorre ammettere che qualcosa di disfunzionale e dannoso nei propri pensieri esiste e che ciò mette in pericolo costantemente il proprio futuro.

Quindi, prima di risolvere queste difficoltà, occorre correggere il modo in cui si prendono le proprie decisioni, occorre capire chi domina la vostra mente, quando dovete fare una scelta.

Il processo decisionale nel nostro cervello è nelle mani di una delle tre parti che compongono il nostro cervello – il bambino, il genitore e l’adulto.

La parte infantile è ovviamente la parte più impulsiva, quella che tende a prendere le decisioni senza pensare alle conseguenze del risultato finale e speso le sue decisioni sono il frutto di mancanze subite, quindi si faranno scelte “reattive” che non faranno altro che riprodurre invece esattamente ciò che si voleva apparentemente evitare.

Questa parte può distruggere tutto senza pensare alle conseguenze e subito dopo abbattersi per ciò che ha causato a se ed agli altri.

La ragione per cui non ci si sente al sicuro con la parte infantile del cervello in azione, è perché è “completamente impulsiva-reattiva”, perché anche se si mente a se stessi dandoci alibi di ogni tipo, in fin dei conti si sa che ci si sta facendo del male, si avverte che stiamo reagendo a qualcosa, in un modo deleterio per noi stessi.

Quando la scelta invece la fanno i genitori tossici che avete introiettato nella vostra mente, (probabilmente proprio da loro sono stati creati nella vostra mente i disagi vissuti dalla mente infantile che accennavo prima),  essi in voi, caricheranno inevitabilmente sulla decisione, tutto il non amore ricevuto e gli insegnamenti sbagliati da loro appresi, ciò inevitabilmente amplificherà la vostra sfortuna e servirà solo a riempirvi di sensi di colpa, vergogna ed emozioni negative.

Questa è la vera ragione per cui poi attraiamo partner tossici ed emotivamente non disponibili, il partner è stato scelto inconsciamente, per ricalcare le disfunzioni subite dal bambino e le mancanze ricevute dai genitori.

La decisione presa da parte dei genitori introiettati non è la migliore, evidenzia semplicemente tutto ciò che avete fatto di sbagliato, sarebbe come vivere con un flusso costante di critiche da parte dei tuoi genitori al tuo fianco, 24 ore al giorno,  in una erosione costante che può portare alla follia.

I pensieri disfunzionali portando a decisioni che non sono utili ad una evoluzione positiva della propria vita, ma anzi ne precludono ogni possibile serenità e la danneggiano spesso irrimediabilmente.
Prima di pensare che tutto il mondo è contro te e che gli altri sono egoisti, prova a chiederti:
Quali pensieri ed azioni ho verso gli altri?
Amichevoli e altruisti cercando l’altro?
Oppure
Aggressivi, egoisti o magari semplicemente indifferenti?
Quale contributo io do al benessere altrui?
Magari scopri che sei tu in guerra contro tutti e non viceversa e che ti stai perdendo il meglio ed il senso umano profondo della tua vita.

L’essere umano è una calamita capace di attrarre a se tutto il bene, oppure tutto il male che c’è!

La parte adulta è la parte logica, quella che è stata capace di correggere i propri pensieri disfunzionale ed ha saputo creare sopra il vuoto delle mancanze e della rabbia, quella che analizza tutte le opzioni disponibili e ne testa le soluzioni a breve termine, oltre che la fattibilità a lungo termine avendo acquisito la capacità di fare le scelte per il proprio bene e non per la propria auto-distruzione.

La parte adulta è l’unica parte capace di logica e calcolo a lungo termine e che davvero agisce per il proprio bene.

Se vedete che state ripetendo un modello ciclicamente, che si tratti di scelte professionali, relazionali o affettive, lo potete riconosce e corregge, ma solo se  permetterete alla vostra parte maturata adulta di prendere il comando della vostra mente.

Agendo questa parte, la persona  può concentrarsi su ciò che è direttamente di fronte e prendere il modo più semplice per risolvere un problema, senza preoccuparsi di analizzare un’altra opzione, non essendo distratta da dinamiche regressive ne da reattività.

La parte adulta è l’unica parte capace di logica, calcolo ed introspezione critica.

E se proprio capite di non essere in grado di agire puntualmente per il vostro bene, siate almeno umili ed intelligenti nel fare il vostro bene, attraverso il confronto con qualcuno che vi faccia da specchio correttore, dei vostri pensieri auto-indotti avversi.

 

Precedente L'Anima è ricchezza
Prossimo Elogio Alla Follia

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *